Comunitainsieme | Scheda tecnico – artistica “Mystery hotel”
16290
post-template-default,single,single-post,postid-16290,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Scheda tecnico – artistica “Mystery hotel”

Scheda tecnico – artistica “Mystery hotel”

TITOLO: MYSTERY HOTEL – Il Fumo Uccide

GENERE: Giallo/Thriller/Comico in Bianco e Nero

NOTA: Tutti gli interpreti del lungometraggio sono pazienti con patologie psichiatriche e sono tutti
ospiti delle Comunità Insieme e Progetto Insieme

AMBIENTAZIONE: Albergo

DURATA: 42 minuti

MUSICHE: Non originali tratte da colonne sonore di famosi film

RIPRESE: Effettuate con un’unica videocamera SONY Handycam su supporto digitale

REGIA E MONTAGGIO: Peter Ercolano

SITUAZIONE: Internazionale Contro il Fumo presso il Mystery Hotel

SINOSSI
Il lungometraggio racconta la storia di due omicidi che avvengono in un albergo in cui si tiene un convegno internazionale contro il fumo. Il misterioso serial killer uccide le sue vittime nientemeno che… soffocandole con le sigarette. Seguiamo le vicende dei vari personaggi che si trovano nel Mystery Hotel (personale dell’albergo ed ospiti), molti dei quali finiscono nel mirino delle forze dell’ordine come sospettati degli omicidi. Tra rilevamenti della polizia scientifica, interrogatori del commissario incaricato del caso, manifestazioni di contestatori “pro fumo”, incursioni di personaggi assurdi, citazioni cinefile, fino allo spettacolare arresto del colpevole, il film coniuga in modo originale il genere thriller con una comicità leggera e surreale. Un ruolo fondamentale viene giocato dalla colonna sonora che accompagna tutte le scene del film. Volutamente ironica la scelta di ambientare la vicenda durante un convegno contro il fumo, mentre quasi tutti i personaggi del film fumano e soprattutto considerando quale importanza abbiano le sigarette per i pazienti psichiatrici.

PREMI VINTI:


Festival del cinema nuovo

Tatro patologico

Visioni corte