Comunitainsieme | Chi siamo
15597
page-template-default,page,page-id-15597,page-parent,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Chi siamo

Strutture Residenziali Psichiatriche Terapeutiche Riabilitative  INSIEME

 

Le strutture del gruppo Insieme sono gestite dalla “Insieme di A. Anelli & C. sas”, con sede legale in via Penitro a Monte snc, 04023 Formia (LT). Partita Iva e Codice Fiscale: 01264760594.

 

Responsabile Legale e Direttore Amministrativo: Anelli Alessandro, Nato a Campobello di Mazara il 14/03/1947 e residente a Santi Cosma e Damiano (LT) in via Cerri Aprano 53.

Codice Fiscale: NLLLSN47C14B5210

 

In conformità all’articolo 10 della legge 24 – 08/03/2017 si comunica quanto segue:

 

Polizza Assicurativa

Compagnia Assicuratrice Generali Italia SPA

Agenzia Generale di Formia IS3 Via Vitruvio, 47 – 04023 Formia LT

Tel 0771771149 Fax 0771770005 mail. agenzia.formiaviavitruvio47.it@generali.com

Polizza n. 766141681

Garanzie operanti RCT/RCO

Massimale € 1.500.000,00

 

 

 

Nella legge 180 del 1978, la nota Legge Basaglia, non c’è uno specifico riferimento, né una codificazione delle strutture intermedie psichiatriche: s’intuisce appena la loro natura, poiché viene detto che esse sono collocate al di fuori dell’ambito ospedaliero, nel territorio, dove Basaglia individuava la sede naturale della prevenzione, della terapia, e della riabilitazione delle malattie mentali.
Le Strutture Residenziali Psichiatriche Terapeutiche Riabilitative (fino ad oggi comunità terapeutiche riabilitative) sono intermedie tra il Servizio di Prevenzione Diagnosi e Cura che gestisce il break-down psicotico e il Dipartimento di Salute Mentale che si occupa di seguire il paziente nel suo insieme e nel suo contesto abituale ma, soprattutto, intermedie rispetto al continuum vitale psicotico, alle sue possibilità di ripercorrere, di riparare, di capire, di agire la sua crisi, la sua discontinuità assistenziale.
L’esperienza nelle comunità psichiatriche ha posto al centro della sua azione la possibilità di condividere con altri luoghi e spazi comuni e riempire il tempo vuoto e dilatato dei vecchi ospedali psichiatrici con l’ascolto, il rapporto personale e le attività comunitarie basate sulla partecipazione del paziente, sorretto tecnicamente e affettivamente nei processi che denotano il suo cambiamento, la sua maturazione, il suo passaggio a livelli più evoluti di funzionamento attraverso il metodo della leadership multipla: in una parola, la conferma della presenza e dell’importanza del singolo all’interno di un contesto comune di vita.

 

La realtà insieme 

 

Sin dal 1986 le Comunità Insieme hanno raggiunto, attraverso una crescita costante ed evolutiva delle strutture, delle metodologie terapeutiche e riabilitative e la qualificazione continua del personale in correlazione con la dinamica di bisogni e delle richieste degli utenti, il risultato, per quanto possibile, di creare un’atmosfera empatica, collaborativa, accettante e protettiva volta all’integrazione operativa tra tutti i soggetti interessati al recupero del disagio: i pazienti, le famiglie, i DSM, gli operatori interni, il tessuto sociale del territorio circostante.
Attualmente le nostre strutture rappresentano un ponte fisico ed ideale tra le esigenze dell’utenza e dei familiari delle due metropoli di Roma e Napoli senza trascurare tutto il territorio delle provincie vicine e con l’ambizione di rappresentare una possibilità di intervento efficace per tutto il territorio nazionale.
Le Strutture Residenziali Psichiatriche Insieme son inserite a pieno titolo negli obiettivi e nella quotidianità del SSN italiano accreditandosi istituzionalmente verso un trattamento che tragga il massimo del vantaggio competitivo possibile dall’organizzazione di una moderna impresa sociale, contemperato con la piena consapevolezza dell’esigenza imprescindibile di cooperare con le strutture dipartimentali pubbliche al fine di elevare il livello terapeutico riabilitativo di entrambi verso canoni di eccellenza secondo gli standard e i criteri stabiliti dai progetti-obiettivi di salute mentale regionali e nazionali.